Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
maldives-666118_960_720

Wellness: tax credit anche per le terme

Nuovi benefici fiscali per il settore termale. Di seguito il testo di una nota di Federterme.

La Commissione bilancio della Camera ha approvato un emendamento degli On. Fanucci e Camani (PD) che ha incluso le strutture termali tra i beneficiari del tax credit, che il decreto sull’ “Art bonus” aveva inizialmente previsto per la riqualificazione solo delle strutture alberghiere. L’approvazione dell’emendamento è stata possibile anche grazie alla piena condivisione e al sostegno del Presidente della Vª Commissione, nonché Relatore del provvedimento. La norma – condivisa anche da parlamentari di altri schieramenti (Milanato FI, Taglialatela FDI) e dalla X Commissione Attività Produttive – favorisce la realizzazione di piscine termali e l’acquisizione di attrezzature ed apparecchiature necessarie per lo svolgimento di tutte le attività termali, con un contributo massimo di 200mila euro. “La realizzazione dell’obiettivo di miglioramento della qualità dell’offerta turistica nei territori termali” – ha dichiarato l’On. Edoardo Fanucci, coordinatore dell’Intergruppo parlamentare ‘Amici del termalismo’ – “passa necessariamente attraverso un percorso di riqualificazione anche degli stabilimenti termali, che di questi territori rappresentano l’attrattore principale e, spesso, l’unico”. “Con questo intervento” – ha aggiunto l’On. Vanessa Camani – “le imprese termali potranno utilizzare un importante incentivo fiscale per riqualificare le proprie strutture alberghiere, gli stabilimenti e le attrezzature strumentali alle prestazioni termali, potendo così contare su uno strumento in più per poter competere in maniera vincente sui nuovi mercati. Si tratta di un fondamentale segnale di attenzione di Governo e Parlamento nei confronti di un settore strategico per il turismo italiano”. Costanzo Jannotti Pecci, Presidente di Federterme/Confindustria ha sottolineato che “aver posto il problema sia in sede parlamentare che presso il Mibact, che si è subito dimostrato attento e consapevole, ha consentito di evitare che si andasse incontro ad un percorso ‘a due velocità’ tra terme ed alberghi, che del bonus beneficiano già da qualche anno, con effetti evidentemente paradossali”. “E’ questo un risultato” – ha concluso Jannotti Pecci – “che premia il costante impegno di Federterme nella concreta e legittima difesa degli interessi dell’industria termale del nostro Paese”. Le terme, oltre che presidi sanitari, rappresentano anche un importante segmento dell’offerta turistica di qualità diffuse su moltissimi territori (180 Comuni con stabilimenti termali e oltre 300 stabilimenti, con circa 360mila posti letto).