Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
people-2593251__340

Il Cda di Nh hotel Group dice no all’offerta Barcelò

Madrid, 10 gennaio 2018. Il Consiglio d’Amministrazione di NH Hotel Group, riunito in data odierna, ha valutato con attenzione l’interesse da parte del Gruppo Barceló, avvalendosi dell’analisi finanziaria di Bank of America Merrill Lynch, e ha respinto all’unanimità l’operazione proposta.

Il Consiglio ha sottolineato che la sua decisione è stata presa in difesa tanto dell’interesse della Società quanto di quello di tutti gli azionisti. Ha insistito, inoltre, affermando che il rifiuto unanime della presente offerta non condiziona né impedisce l’analisi di altre future opportunità strategiche, che saranno valutate in funzione del valore reale che saranno in grado di generare per la totalità degli azionisti di NH Hotel Group all’interno degli attuali trend di consolidamento del settore. Per prendere tale decisione, il Consiglio ha considerato che la struttura prevista (fusione) non avrebbe permesso di creare valore per l’azionista all’infuori del progetto indipendente di NH. Nella sua analisi, il Consiglio non ritiene appropriati né il valore intrinseco assegnato a NH per l’offerta del Gruppo Barceló né il suo volume e il rapporto di cambio proposto. Partendo da questo presupposto, il Consiglio, in modo unanime, considera che i termini dell’offerta siano inadeguati e non rispecchino in nessun caso il valore reale di NH, specificamente per le seguenti ragioni: Il rapporto di cambio non rispecchia la valutazione relativa delle due compagnie (ancor meno con un perimetro riferito all’attività alberghiera rilevante del Gruppo Barceló). Non offre nemmeno un premio di controllo reale per la valutazione di mercato di NH, né tiene in considerazione il potenziale della rivalorizzazione di NH come business indipendente (che è certamente superiore al valore relativo di euro 7,08 per azione proposto nell’offerta). L’offerta del Gruppo Barceló non rispecchia il potenziale di crescita di NH, né il valore degli attivi urbani di proprietà in Europa (come dimostra la recente vendita dell’hotel Barbizon di Amsterdam). L’offerta non riconosce, inoltre, l’opportunità di generare utili derivata dall’equilibrato mix tra contratti di gestione e locazione e neppure l’ottimizzazione attuata della struttura operativa e finanziaria. Il Consiglio ha considerato in modo molto negativo che l’offerta del Gruppo Barceló non preveda liquidità per gli azionisti di NH. A margine di questa decisione, il Consiglio ha ribadito la piena fiducia riposta nel Piano Strategico attuale di NH Hotel Group che evidenzia un solido incremento delle entrate e un significativo miglioramento operativo. Inoltre, il valore del patrimonio alberghiero e i potenziali benefici derivanti dalla riduzione del livello di indebitamento apriranno la strada a nuove opportunità di espansione e alla possibilità di partecipare al consolidamento del settore alberghiero in futuro.