Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
image_large-2

Military tourism: duemila finanzieri al Raduno ad Alghero

Gdf: in 2000 attesi ad Alghero per il Raduno nazionale
(ANSA) – ALGHERO, 26 APR – Tre giorni di festa e di riflessione, oltre duemila persone attese, un’organizzazione
imponente e i riflettori di tutta Italia puntati sulla Riviera del corallo. Da oggi a domenica 29 aprile Alghero ospiterà il
20/o Raduno dell’Associazione nazionale finanzieri d’Italia. È la prima volta che il raduno dell’Anfi si svolge in
Sardegna. Grazie all’idea lanciata da Giuseppe Soggiu, maresciallo algherese in congedo, e raccolta dal generale a
riposo Adriano Siuni, consigliere nazionale dell’Anfi, e dal comandante regionale della Guardia di finanza, generale Bruno
Bartoloni, Alghero ospiterà l’evento, organizzato con il patrocinio del Comune e la collaborazione della Fondazione Meta
Alghero. Mostre, convegni e incontri aperti alla città e a tutti i suoi visitatori, ai quali parteciperanno autorità civili,
militari e religiose. Per chiudere domenica alle 10.15 con la parata conclusiva, cui prenderà parte anche il comandante
generale della Guardia di Finanza, il generale di corpo d’armata Giorgio Toschi (nella foto a sinistra con il presidente della Repubblica Mattarella).  Oggi l’Anfi conta 25mila iscritti e 292 sezioni. In Sardegna i tesserati sono un migliaio e sono divisi in 14 sezioni.
Arriveranno da tutte le parti d’Italia per un appuntamento che annualmente richiama una folla di militari ed ex appartenenti al
corpo. Come ha spiegato il generale di corpo d’armata in congedo, Umberto Fava, presidente dell’Anfi, nella conferenza
stampa di presentazione, “la manifestazione offre l’occasione per rinsaldare i vincoli di amicizia fra i finanzieri in
servizio e in congedo e rafforza e rinnova la vicinanza tra guardia di finanza e popolo sardo”. Per il sindaco di Alghero Mario Bruno “questa è anche una straordinaria occasione per proseguire lungo quel percorso che ambisce a fare di Alghero una terra di cultura, di grandi
appuntamenti, di turismo tutto l’anno”. “Da sempre questa città ha per la Finanza un ruolo
straordinario – ha detto Bartoloni -. Proprio come la Puglia a est, Alghero è la porta ovest nel Mediterraneo per
l’Italia ma siamo lieti di aver accettato la sfida insieme a una città e a una amministrazione impegnata a costruire il proprio
sviluppo a partire dalla ricerca della propria identità e dalle proprie radici”.