Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
img_1070

Milano e Roma trainano il boom della ristorazione

La ristorazione è in espansione trainata da Roma e Milano anche se – fanno rilevare da Unioncamere – i nuovi locali non durano più di tre o quattro anni. Comunque tra il 2011 e la fine del 2015 si registrano  31mila unità in più. Bene anche il dinamismo della Sicilia e della Campania. Confronto aperto sulle strategie per consolidare una offerta di ristorazione e somministrazione largamente funzionale anche al sistema di accoglienza turistica. Nella foto l’imprenditore turistico Alessandro Rosso nel Ristorante Ottagono TownHouse nella Galleria di Milano.

Di seguito la nota Unioncamere.

Imprese: boom di bar e ristoranti, ma 3 su 4 chiudono a 5 anni dalla nascita
Roma, Milano e Napoli al top per esercizi enogastronomici

Roma, 29 dicembre 2016 – Ristoranti e bar spopolano tra le strade italiane, in cinque anni se ne contano quasi il 10% in più. A Roma, Milano e Napoli si concentra il numero maggiore di queste attività. E’ quanto emerge dalla fotografia scattata da Unioncamere-Infocamere sui dati del Registro delle imprese italiane tra il 31 dicembre 2011 e il 31 dicembre 2015. Alla fine dello scorso anno si contavano 367mila attività, tra ristoranti (197mila imprese) e caffetterie (170mila), sparse sul territorio nazionale, in crescita di oltre 31mila unità rispetto a cinque anni prima.

Ma se sono sempre di più gli imprenditori pronti a scommettere sui piaceri della cucina e di una buona tazza di caffè, solo in pochi riescono a tenere in piedi la propria attività a 5 anni dalla nascita.
Delle imprese nate nel 2011, 3 su 4 hanno abbassato la saracinesca entro cinque anni e oltre il 45% non è riuscita a resistere al terzo anno di vita.
Tuttavia non è così dappertutto: in alcune grandi città italiane i numeri migliorano sensibilmente. A Milano, Napoli, Roma e Firenze i livelli di mortalità delle attività iscritte nel 2011 sono inferiori alla media nazionale, sia per bar che per attività di ristorazione. In particolare le attività di ristorazione più “resistenti” si trovano nel capoluogo toscano dove il 57% di queste risulta ancora sul mercato dopo un lustro. Mentre i bar sembrano avere vita più facile soprattutto nella capitale d’Italia, qui il 49% degli esercizi supera la prova dei cinque anni.

A livello regionale è la Lombardia a registrare al 31 dicembre 2015 il numero più alto in Italia di bar e ristoranti (rispettivamente 27.679 e 29.285), seguita dal Lazio (22.430 ristoranti e 17.925 bar) e dalla Campania (17.754 attività di ristorazione e 15.145 bar). Ma in termini relativi nell’ultimo quinquennio è la Sicilia ad aver messo a segno la crescita più marcata (+15%, trainata dal settore della ristorazione +16%), seguita dalla Campania (+14% , con una punta del +15% per i bar) e dall’Umbria (+12%, spinta dai bar +13% ).