Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
img_1113

A Capodanno entrata gratis ma solo in alcuni dei musei e delle aree archeologiche statali

Capodanno al museo. E pure gratis. L’Italia inizia così il 2017 sempre all’insegna della cultura e della valorizzazione del Patrimonio storico-artistico, da Paese leader dell’Unesco per i siti di rilievo per l’umanità intera. Tutto bene dunque? In realtà occorre informarsi sul sito del Mibact perchè – come sottolinea anche il ministero Ben culturali – non tutti i siti sono aperti. E tra quelli chiusi a Capodanno ci sono strutture del calibro di Brera a Milano, Bargello, Accademia e Cappelle medicee a Firenze, i Palazzi Barberini e Corsini a Roma. Fare dunque attenzione onde evitare delusioni e inconvenienti.

Di seguito la nota del ministero.

Musei, Franceschini, 1 gennaio apertura straordinaria e gratuita dei musei e siti archeologici statali

“Il 1 gennaio la gran parte dei i musei e siti archeologici statali saranno eccezionalmente aperti e lo saranno gratuitamente” dichiara il ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini che sottolinea come “grazie alla disponibilità del personale del ministero sarà possibile visitare le bellezze del nostro patrimonio anche nel primo giorno dell’anno. Il valore della prima domenica del mese gratuita – conclude Franceschini – non sta solo nei grandi numeri, che saranno sicuramente molto significativi in questa prima edizione del 2017, ma soprattutto nel dato educativo e di riavvicinamento degli italiani al proprio patrimonio”.

L’apertura dei musei il primo gennaio è un evento eccezionale dovuto alla coincidenza di un giorno di tradizionale chiusura con la prima domenica gratuita del mese a cui il personale del ministero ha deciso di aderire. Per questo sono tanti i musei che apriranno gratuitamente la prossima domenica. L’elenco completo e gli orari di visita sono riportati sul sito http://www.beniculturali.it/domenicalmuseo.
Tra i musei che non apriranno si sottolineano: a Milano, la Pinacoteca di Brera e il Cenacolo Vinciano; a Roma, le Gallerie nazionali di arte antica di Palazzo Barberini e Palazzo Corsini, Palazzo Farnese a Viterbo; a Firenze, il museo del Bargello, le cappelle medicee e la Galleria dell’Accademia.