Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
01-castello-di-sammezzano-reggello-fi-a-foto-da-www-savesammezzano-com

Eletti I Luoghi del Cuore Fai-IntesaSanpaolo: salvare il Castello Sammezzano a Firenze

Un luogo da salvare, un Luogo del Cuore. Circa 1,6 milioni di italiani al voto per I Luoghi del Cuore, ottava edizione del censimento promosso da Fai-Fondo ambiente italiano e IntesaSanpaolo. Una elezione che di fatto è un accorato appello a salvare un luogo che mescola, bellezza, magia e degrado, insieme a tanti altri tutti meritevoli di grande attenzione.

Al primo posto con 50.141 voti, tra I Luoghi del Cuore, lo straordinario Castello di Sammezzano a Reggello (Firenze), capolavoro di arte eclettica (nella foto da www.savesammezzano.com), circondato da un parco di 190 ettari, già tenuta di caccia in epoca medicea. La sua veste attuale – si legge nella nota Fai-IntesaSanpaolo –  risale alla seconda metà dell’Ottocento e si deve al marchese Ferdinando Panciatichi Ximenes che riprogettò il castello in stile orientalista, rendendolo un edificio senza pari in Italia, rievocando capolavori dell’arte moresca come l’Alhambra e il Taj Mahal. Di proprietà privata, dopo il tentativo di trasformarlo in resort di lusso, il castello è chiuso al pubblico e in stato di abbandono e il comitato che ha raccolto i voti ne chiede da anni il recupero e auspica che possa diventare patrimonio di tutti. Al secondo posto con 47.319 voti l’imponente Complesso di Santa Croce a Bosco Marengo (Alessandria), il convento voluto da papa Pio V nel 1566, anno della sua elezione a pontefice: tra gli artisti che hanno preso parte ai lavori, Giorgio Vasari di cui si conserva nella chiesa l’affresco del Giudizio Universale. Due chiostri e una splendida biblioteca a tre navate ricca di volumi rari caratterizzano il convento che nel 1860 venne chiuso e riconvertito in riformatorio minorile fino al 1989. I votanti segnalano che il bene necessita di lavori di recupero e di un piano di valorizzazione che lo faccia conoscere. Al terzo posto con 36.789 voti le Grotte del Caglieron a Fregona (Treviso), costituite da un singolare insieme di antri che si sono formati nei secoli in seguito a processi di erosione e all’opera dell’uomo. Il complesso è nato da una profonda forra incisa dal torrente Caglieron su strati alternati di conglomerato calcareo: sulle pareti della forra si aprono delle grandi cavità artificiali, ottenute con l’estrazione dell’arenaria, la tipica “pietra dolza” (pietra tenera) che forniva il materiale per la costruzione di stipiti e architravi. La raccolta voti, in collaborazione con il Comune, punta a far conoscere e valorizzare il luogo. Segue al quarto posto con 31.223 voti l’Area archeologica di Capo Colonna a Crotone, tra le aree sacre più note dell’intero bacino del Mediterraneo, incentrato attorno al Santuario di Hera Lacinia del V secolo a.C. di cui oggi rimane una sola colonna. Il comitato attivo per la raccolta fondi denuncia la trascuratezza dei percorsi espositivi, l’inaccessibilità di alcune zone e i rischi a cui è sottoposto il contesto. Al quinto posto con 31.069 voti la Ditta Guenzati, fondata nel 1768, il “negozio più antico di Milano specializzato in accessori per abbigliamento e tessuti anglosassoni”. La mobilitazione spontanea nasce a causa dello sfratto che costringerà il negozio a cambiare sede: i cittadini chiedono che questo pezzo di storia milanese possa continuare a vivere nel palazzo di Cordusio.