Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
8c540053-bfd8-408b-aa18-28066cb4b681

Turismo in montagna: via al summit di Longarone, affondo Cai sui lupi

Summit di Longarone sulla montagna, affondo Cai sul monitoraggio dei lupi. Di seguito le rispettive note informative.

Tre giorni dedicati alle foreste, al comparto forestale e all’importante filiera del legno. Finalmente ritorna un’importante manifestazione aperta al pubblico, dopo lo stop dovuto al lockdown per Covid-19. Si tratta della 2^ edizione del Festival delle Foreste, in programma contemporaneamente a Longarone (Bl), presso i padiglioni la Fiera, e nella foresta demaniale del Cansiglio (BL-TV) nei giorni 11, 12 e 13 settembre.

Veneto Agricoltura, sarà uno dei soggetti protagonisti della kermesse. A Longarone, l’agenzia regionale sarà infatti presente con uno stand espositivo di 114 mq e una serie di proposte convegnistiche di grande attualità; contemporaneamente in Cansiglio saranno proposti altri focus e dimostrazioni in foresta.

Si parte venerdì 11 settembre (ore 9:30), presso la sala Hangar del Cansiglio, con il focus “Risorse genetiche e vivaismo forestale dopo la tempesta Vaia”. Nel pomeriggio (ore 14:30), presso la sala Piave a LongaroneFiere, sarà presentato il progetto nazionale “For.Italy” che prevede l’attivazione di corsi di formazione interregionali per “Istruttori forestali”. A seguire (ore 15:30) di scena il progetto “Malgonera”, la Foresta di Taibon Agordino (Bl) gestita da Veneto Agricoltura divenuta dopo la tempesta Vaia un laboratorio a cielo aperto. La giornata si concluderà (ore 16:30) con la presentazione del “Progetto RAFRapporto sullo stato delle foreste del Veneto”. Tutti gli eventi potranno essere seguiti in diretta online sulla piattaforma ZOOM e su Facebook.

Domenica 13 settembre (ore 11:00), presso la sala Costantini in Fiera a Longarone, e in diretta online su Facebook, si svolgerà l’assegnazione del PremioJean Giono: l’uomo che piantava gli alberi”, edizione 2020.

Da alcuni giorni circola su vari canali una nota di alcune organizzazioni (Salvaguardia rurale veneta e Proprietari malghe e terreni della Lessinia, Comitato salvaguardia allevatori della Provincia del Verbano Cusio Ossola, unito ai gruppi “Valligiani ed Alpigiani” e “Proteggiamo la montagna” delle valli Ossola e Strona), molto critica nei confronti del Monitoraggio Nazionale del Lupo, promosso dal Ministero dell’Ambiente e coordinato da Ispra e Life Wolfalps. Il Club alpino italiano, come altre numerose associazioni di protezione ambientale riconosciute, ha dato la disponibilità a collaborare mettendo a disposizione propri volontari opportunamente selezionati, informati e formati secondo i protocolli stabiliti da Ispra e Life Wolfalps.

Il testo, in alcuni passaggi, diffida dal percorrere il territorio di alcune aree montane delle Alpi. Si tratta di una nota, sottolineano il Vicepresidente generale e il coordinatore del Gruppo Grandi Carnivori del Cai, Erminio Quartiani e Davide Berton, “evidentemente strumentale e di dubbia legittimità, fatta per cercare di rompere la catena di collaborazioni e sinergie che si sono attivate nel tempo e che si stanno concretizzando con l’attivazione del monitoraggio”.

Nello specifico, il Club alpino italiano precisa che:
– La partecipazione del Cai al monitoraggio è stata concordata con Ispra e Life Wolfalps e approvata dal Comitato Direttivo Centrale del Sodalizio il 17 luglio 2020, verbale n° 10 atto 107.
– Il coordinamento tra istituzioni e tecnici incaricati è affidato, all’interno del Club alpino, al Gruppo Grandi Carnivori su tutto il territorio italiano.
– I soci che usciranno in ambiente per il monitoraggio lo faranno solo su richiesta delle istituzioni preposte, in percorsi definiti dai tecnici incaricati, seguendo le modalità stabilite e oggetto della formazione.
– I soci impegnati nelle uscite lo faranno a titolo volontario e saranno coperti da specifica assicurazione sociale.

“Con queste precisazioni vogliamo fare chiarezza, respingendo maldestri tentativi di strumentalizzazione e polemica“, affermano il Vicepresidente Quartiani e il coordinatore Berton. “Il Cai si impegna come supporto ad un’azione necessaria, guidata dalle istituzioni deputate in materia, ovvero il monitoraggio sistematico della presenza del lupo allo scopo di poter disporre di solidi dati, sui quali potere impostare le migliori forme di gestione, al di là di ogni aprioristica posizione”. Per ogni chiarimento il Club alpino italiano invita a scrivere all’indirizzo grandicarnivori@cai.it