Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
maurizio-zanella_fondatore-e-presidente-ca-del-bosco-1

Il Manifesto Ca’ del Bosco per l’economia sostenibile, arriva Cuvée Prestige Edizione 42

Maurizio Zanella fa parte di una famiglia di innovatori per definizione, da sempre all’avanguardia nella produzione di vini in Franciacorta. Di estremo interesse il Manifesto di Ca’ del Bosco, da molti anni ormai impegnata nella promozione dell’arte e della cultura, reso pubblico in un momento particolare per il Paese e per il mondo interno. Un Manifesto che obbliga a riflettere sui valori della società e delle imprese e sul Modello Franciacorta, ripreso peraltro nelle attività produttive di stretto impegno della Casa vinicola di Franciacorta che in questi giorni ha presentato l’eccellente Cuvée Prestige Edizione 42, nell’ambito di un progetto che abbraccia un orizzonte temporale di oltre 15 anni, fortemente proiettato al futuro.  Cultura d’impresa, sistema di valori, raccordo con il territorio e innovazione si fondono in una sintesi che guarda lontano. Ca’ del Bosco è la Casa che ha innovato i sistemi di pulitura dell’uva con una vera e propria Spa, un percorso nell’acqua per eliminare impurità e residui a vantaggio della salubrità del vino destinato ai consumatori frutto di produzioni biologiche in campo.

Cuvée Prestige Edizione 42

Come si legge in una nota del gruppo  si tratta della “quarantaduesima interpretazione del multivintage cui ogni anno seguirà una nuova Edizione in ordine numerico crescente. Una svolta, questa, dedicata alla cultura del vino ed al servizio del consumatore finale. Il desiderio è quello di offrire agli appassionati l’opportunità di fissare nella memoria gustativa le diverse sfumature e peculiarità di ogni interpretazione riconoscendo un elemento distintivo che ne identifica le caratteristiche. In questo modo, anno dopo anno, si svelerà lo stretto legame tra la natura ed il suo interprete regalando un’esperienza sempre fedele allo stile ed al gusto di Ca’ del Bosco. Cuvée Prestige Edizione vuole essere l’espressione dell’essenza dei diversi terroir della Franciacorta, ispirata alla visione dell’enologo Stefano Capelli”. “Una cuvée unica come unico è il grande patrimonio dei vigneti che Ca’ del Bosco ha saputo costruire negli anni. L’Edizione 42 è un Franciacorta originale, dalla fragrante freschezza e complessità che rivela al meglio il carattere dei 139 diversi vini di cui si compone, provenienti da 141 particelle di vigna e da 4 diverse annate della nostra inimitabile collezione di vini riserva”. Un lavoro che ha inizio in vigna con la cura, la tutela e la valorizzazione di ogni singolo suolo (Ca’ del Bosco è proprietaria delle vigne con la maggior altitudine della Franciacorta, 550 slm) nel pieno rispetto della biodiversità e che si rafforza grazie alla scelta di un’agricoltura biologica certificata. Cuvée Prestige Edizione prevede un affinamento sui lieviti di almeno 25 mesi. È importante sottolineare che Ca’ del Bosco, per valorizzare questo vino, limita il “dosaggio di spedizione” a 1- 2 gr/lt classificandolo al gusto come Extra Brut. Il risultato è un Franciacorta sorprendente per freschezza ed equilibrio gustativo, con una grande ricchezza aromatica nello stile che da sempre contraddistingue Ca’ del Bosco. Questa nuova “identità” sarà attribuita anche alla Cuvée Prestige Rosé, che a partire da aprile 2021 uscirà con l’Edizione 43.Ca’ del Bosco ha quindi deciso di offrire a pochissimi appassionati la possibilità di un viaggio straordinario alla scoperta di alcune significative interpretazioni, un balzo indietro nel tempo per apprezzare vini che hanno avuto contatto con i lieviti per un minimo di 10 anni. Per questi vini unici, il Franciacorta Cuvée Prestige Edizione si fregia del titolo “RS”, che letteralmente significa “Recentemente Sboccato”. Vini che colpiscono, emozionano e trasmettono la sapienza di un metodo unita alla magia del tempo che scorre. RS afferma e ribadisce tutto il potenziale espressivo di Ca’ del Bosco. A novembre 2020 sarà disponibile una speciale confezione con la prima verticale di 5 diverse Edizioni RS: n. 34 (3 bottiglie), n. 33 (3 bottiglie), n. 32 (1 bottiglia), n. 31 (1 bottiglia) e n. 30 (1 bottiglia), la prima Cuvée Prestige presentata al mercato uscita nel 2007. Tutte le bottiglie sono state degorgiate nell’estate 2020 rispettivamente dopo 10 anni per la n. 34, fino a 15 anni di affinamento sui lieviti per la n. 30. Sarà come aprire la scatola dei ricordi per poterli rivivere con la stessa intensità di un tempo ma con una nuova consapevolezza. Dal 2021, con cadenza annuale, verrà rilasciata una nuova Edizione RS confezionata in una scatola da 3 bottiglie.

Il Manifesto Ca’ del Bosco

Usare (…e coltivare) senza consumare

Ca ’del Bosco significa ascoltare la Natura, significa dare alle sue forme la possibilità di esprimersi attraverso l’aiuto dell’uomo che si fa custode di un territorio straordinario usandolo, ma mai consumandolo. Il Metodo Ca’ del Bosco è un metodo in cui il prodotto trova la sua identità solo qualora si investa sempre e comunque sul territorio che lo genera, da cui la scelta della viticoltura biologica. Decide dunque la Natura: Ca’ del Bosco non deve fare altro che aiutarla perché il nostro vino è nelle vigne proprio come il David nel blocco di marmo. La natura è potenza, il vino è il suo atto, Maurizio Zanella e la sua famiglia sono stati coloro che si sono fatti custodi del passaggio dalla potenza all’atto.

Equilibrio fra tradizione e innovazione

Ca’ del Bosco significa innovare, ovvero trovare il miglior modo per dare alle forme della Natura (le vigne) le forme della Cultura (il vino). Per ascoltare la realtà e la complessità della Natura Ca’ del Bosco crede nell’innovazione, ricerca, tecnologia affinché integrino il sapere dell’uomo con il potenziale della terra. Lavare l’uva o eliminare l’ossigeno brevettando metodi nuovi significa l’esatto contrario che un’invasione di campo della tecnica sulla realtà rurale: vuol eliminare tutto ciò che, superfluo o artificiale, rischierebbe di non farci comprendere la potenza estetica delle nostre terre. L’innovazione tecnologica è solo il modo con cui chiamiamo la tradizione che rispetteremo domani. Ca’ del Bosco è il coraggio di dire che se oggi possiamo aver rispetto per una tradizione, è solo perché qualcuno in passato ha avuto il coraggio di innovare.

Arte e cultura come valorizzazione

Ca’ del Bosco significa investire sull’arte, sull’integrazione tra la materia e i saperi spirituali. Un archivio importante di artisti, fotografi, scrittori hanno sino a qui collaborato con noi in progetti culturali e formativi e l’auspicio sarà quello che questa collaborazione non solo continui, ma si consolidi. L’aspirazione è quella di animare l’idea e la passione per il dettaglio e la difesa della bellezza, il racconto e la narrazione della composizione spirituale dei nostri vini attraverso metodi comunicativi laterali che investano sulla biodiversità e le ecologie del territorio e siano al passo di una parola chiave per Ca’ del Bosco – la contemporaneità.

Ecologia, etica, educazione

Ca’ del Bosco significa infine investire sull’etica, su un sistema di valori che ci ha permesso di costruire un punto di riferimento internazionale senza mai perdere lo spirito di quel sogno imprenditoriale che ha permesso di coltivare non solo le viti, ma anche le relazioni umane, le persone che lavorano a Ca ’del Bosco, i progetti per il sociale e soprattutto in modo non retorico una profonda educazione alla sostenibilità ambientale e al Made in Italy. Ca’ del Bosco è il concetto finale di una complessa alchimia tra artigianalità e manualità, attenzione alle materie prime uniche ed eccellenti tipiche della produzione italiana. Traslare questa cultura del prodotto in una cultura etica del fare è la nostra sfida: progetti che dall’ecologia al sociale trasformino un territorio speciale come la Franciacorta in un laboratorio di costruzione del “domani” che sia di riferimento per la comunità internazionale.

 

  • Luca Gnali |

    La profondità con cui il Patron Zanella sviluppa il proprio stile di “fare impresa” e “creare cultura del vino” sono d’esempio non solo per il settore vitivinicolo ma per tutti quelli che ambiscono ad intraprendere. Ringrazio per la capacità con cui sono diffusi e condivisi la Mission, lo stile e la cultura che contraddistinguono Cà del Bosco. Grazie

  Post Precedente
Post Successivo