Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Niente aerei a Salerno; Verri dice no ad Emiliano, in crisi il modello Puglia

Alcuni spunti di riflessione. Dispiace raccontare della vicenda dell’aeroporto di Salerno-Pontecagnano che avrebbe dovuto servire l’importantissima area del Cilento ed anche la vicina Alta Basilicata. Dispiace che dopo tanti anni di discussioni, progetti e investimenti lo scalo aereo che potrebbe dare una svolta ad aree altrimenti difficili da raggiungere, versi in condizioni critiche. La Regione Campania guidata dall’ex sindaco di Salerno, Vincenzo De Luca, si prepara a intervenire. De Luca ha promesso che Salerno-Pontecagnano verrà rilevato dalla Regione. Bella idea ma viene anche da pensare: soldi buttati senza un piano serio di sviluppo e bisogna vedere cosa ne penserà l’Enac. Lo scalo avrebbe dovuto servire anche la Basilicata sempre più agganciata al carro di Matera Capitale europea della cultura nel 2019. Un manager della cultura del calibro di Paolo Verri alla fine ha detto no a Michele Emiliano, magistrato antimafia e già sindaco sceriffo di Bari, oggi alla guida della Regione Puglia. Verri, dopo aver partecipato e vinto la selezione per diventare il general manager del turismo in Puglia ha rinunciato per restare a Matera, viste anche le pressanti richieste arrivate dal vertice della Regione Basilicata. Un passo falso per il modello Puglia, messo su dall’ex governatore Niki Vendola? Si vedrà. Intanto è ancora tutta da giocare la partita della governance tra la Regione e Pugliapromozione, e senza un assetto stabile e autorevole si rischia.  Dal canto suo la Basilicata, in vista di Matera 2019, dovrà rilanciare sull’aeroporto sul proprio territorio, previsto peraltro dalla programmazione nazionale. Se non decolla quello di Salerno  deve necessariamente partire quello lucano e sarebbe meglio che qualche discorso venisse fatto anche con la Puglia per Foggia. In conclusione, lo sviluppo del turismo al Sud ha bisogno di un cambio di passo, di un salto di qualità dopo i risultati buoni ma limitati ad alcune aree. Ci vuole un progetto a rete, di sistema. Non mi pare che in questi giorni ci siano molti spunti per essere assai ottimisti.

  Post Precedente
Post Successivo