Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
fingers-1

Chef & microelettronica: Mascetti (Siaemic) sposa il progetto di Okabe (Finger’s)

Celebrazioni in questi giorni per i 15 anni del progetto Finger’s dello chef nippo-brasiliano Roberto Okabe che, dopo le location di Milano, ha aperto anche in Costa Smeralda e a Roma. Impianto nipponico con sfumature sudamericane e qualche ispirazione italiana in un locale di atmosfera. Per le cene celebrativa di questi giorni proposte ampie e diversificate: Foglia di shiso in tempura con king crab, uova di pesce volante, salsa ponzu e caviale di soia; Takoyaki (polpettine tradizionali giapponesi con polpo fritto), ebiten sbagliato con gambero in tempura, salmone e salsa gazpacho, nido di salmone; Carpaccio di butter fish scottato con salsa miso, funghi shitake e mandarino giapponese; Capasanta scottata con besciamella del suo corallo, uova di mentaiko (baccalà giapponese), salsa di ostrica e asparagi; Tacos di ricciola; Udon (spaghetti di grano tenero) con pak choi (cavolo cinese), branzino scottato, funghi shitake e yuzu, in brodo dashi (katsuobushi, carcassa di branzino e peperoncino giapponese); Roll di gambero in tempura e avocado, avvolto da salmone fiammato, chutney di pomodorini; Roll di astice e lattuga con gambero rosso di Sicilia crudo, salsa di sambuca e uova di pesce volante; Roll di asparago in tempura, tonno crudo e mandarino cinese; Tartare ceviche di branzino e ricciola, uova di pesce volante e jalapeño; Nigiri di ventresca di tonno leggermente fiammato e wasabi fresco; Giò quaglia di salmone con uova di salmone, uova di quaglia e tartufo; Pollo yakitori rivisitato con crema di patate tartafuta e porro fritto Tonno marinato crema di riso bianco e daikon; Mochi (tipici dolcetti tradizionali giapponesi a base di gelato e pasta di riso): vaniglia, tè verde e cioccolato e cocco. Il tutto condito dalla simpatica ed esilarante figura di Okabe, chef giramondo, che ha trovato a suo tempo nel calciatore Clarence Seedorf lo sparring partner del progetto in cucina. Di recente Okabe ha trovato un altro eccellente estimatore in Enrico Mascetti, componente di una famiglia di imprenditori milanesi che ha costituito un impero internazionale nell’hi-tech con la Siae microelettronica. Mascetti è infatti entrato nella società holding cui fanno capo le attività di ristorazione gestite da Okabe con una quota del 40%. Un passo importante per lo sviluppo.