Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
d946816f-dbea-4823-9b62-67df9a35eea3

Moët & Chandon ha celebrato a Milano il 150° anniversario di Moët Impérial nella Katara Royal Suite

Moët & Chandon ha celebrato il 150° anniversario di Moët Impérial il 2 aprile nella  esclusiva Katara Royal Suite dell’Excelsior Hotel Gallia (gestito dal gruppo Marriott).  Come si legge in una nota per celebrare quest’anno importantissimo, Moët & Chandon ha svelato la nuova bottiglia in edizione limitata, con un nuovo logo che celebra la “I” di “Impérial” quale nuovo simbolo del suo Champagne più rappresentativo. Un sommo tributo agli straordinari 150 anni di storia di questo notevole Champagne: “I” è il simbolo d’onore di questo traguardo, da festeggiare con lo stile che contraddistingue la Maison fondata nel 1743. La bottiglia celebrativa di Moët Impérial contiene lo Champagne brut iconico della Maison, contraddistinto da un inconfondibile aroma fruttato, palato seducente ed elegante maturità, le caratteristiche tipiche dei blend di Moët & Chandon. Moët Impérial, nato come Brut Impérial nel 1869, è il nome dato allo Champagne brut non millesimato della Maison, in omaggio alla lunga relazione di Moët & Chandon con la famiglia imperiale francese. La prima spedizione di Moët Impérial fu organizzata affinché coincidesse con il centenario della nascita di Napoleone Bonaparte: un omaggio alla fedeltà dell’Imperatore francese e del suo entourage, che ha contribuito ad accrescere la fama ed il prestigio della Maison. Nel 1869, Moët & Chandon creò uno Champagne brut non millesimato chiamato “Brut Impérial” – oggi noto come “Moët Impérial” – per rendere omaggio alla relazione instauratasi nel 1801 tra Napoleone Bonaparte e Jean-Remy Moët, nipote del fondatore della Maison. Quando la Maison ha spedito il suo primo ordine di “Brut Impérial”, ha contribuito al passaggio nel gusto globale, dallo Champagne dolce a quello brut. Fino a quel momento la Maison si era concentrata sulle varietà a maggior dosaggio, limitando la produzione di brut all’1% all’anno. Nel corso degli anni tale percentuale è aumentata di pari passo al crescente successo di Moët Impérial, fino a diventare oggi la principale produzione della Maison.