Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
60e2c0a6-63c7-4266-bfc8-f772c79cb275

Top chef: lascia Ghezzi arriva Fumagalli alla Locanda Margon, laboratorio della cucina italiana

La Locanda Margon cambia chef e rinnova la conduzione della cucina. Due stelle Michelin conquistate sotto la pluriennale direzione di Alfio Ghezzi, che lascia a inizio luglio per perseguire altri e personali progetti. Dalla Valle d’Intelvi – tra Lombardia e Svizzera – arriva il giovanissimo Edoardo Fumagalli, chef con una stella Michelin già conquistata, ed esperienze solide all’estero Francia in primis. La Locanda trentina fa capo alla famiglia Lunelli – Matteo (nella foto) si appresta tra poco a prendere anche le redini di Altagamma – che guida le Cantine Ferrari del Trentodoc oltre a tenute nell’area del prosecco, in Toscana e in Umbria. Sarà il cuore di un progetto di sviluppo enoturistico ed al tempo stesso laboratorio di riferimento per la cucina italiana. Il modello Fumagalli coniuga territorio e sapienza tecnica, con un’offerta allargata a classici della cucina francese e internazionale. Ma soprattutto è la elaborazione degli ingredienti e delle materie prime locali a costituire la base di riferimento e di elaborazione concettuale di chef Fumagalli cui non manca una buona dose di aspirazione alla semplicità e al messaggio diretto e pieno a tavola e nell’ambientazione della Locanda. Il panorama della ristorazione di alta qualità a Nordest si arricchisce dunque di un nuovo protagonista. Il territorio si riconferma ancora una volta fertile per il mondo dell’enogastronomia e si intravvede chiara sullo sfondo la figura maestra di Gualtiero Marchesi che ha ispirato sia Ghezzi che lo stesso Fumagalli. Questo cambio di conduzione alla Locanda Margon ha anche un valore per l’intera cucina italiana e ne costituisce una tappa essenziale. La sfida per Fumagalli è indubbiamente impegnativa ma la solidità concettuale e tecnica è dalla parte del giovane chef, in un contesto che investe molto sulla qualità dell’offerta e delle soluzioni enogastronomiche. Di sicuro ci sarà un’ulteriore spinta propulsiva all’intero territorio che già investe in questa direzione e che potrà accelerare ulteriormente.