Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
pio04slide-home

Vino: Pio Cesare, storica cantina di Alba, leader di Barolo e Barbaresco, ora studia il Timorasso

La storica cantina di Alba, Pio Cesare, che dalla fine del 1800 produce vini delle Langhe (Barbaresco e Barolo in particolare), ed ha rapporti con una cinquantina di paesi al mondo, ha avviato di recente una attività di ricerca e sperimentazione nell’area di Tortona. Come spiega Pio Boffa, alla guida del gruppo di famiglia (nella foto), a fine novembre sono stati rilevati circa cinque ettari di vigneti nell’area di Vho e l’interesse è focalizzato sul Timorasso. L’occasione per fare il punto sui piani della Pio Cesare è stata offerta da un incontro tenutosi a Milano presso il ristorante Vun dello chef Andrea Aprea (due stelle Michelin) all’Hotel Hyatt. La Pio Cesare, che fa parte dell’Istituto grandi marchi, conta su 75 ettari di vigne di proprietà in diversi comuni nel Barolo e nel Barbaresco. Interessante anche la produzione di Vermouth e Barolo chinato. Di particolare pregio la produzione di Barolo tradizionale. Nell’occasione dell’incontro al Vun sono stati presentati i Cru denominati Ornato e Mosconi situati tra  Serralunga e Monforte d’Alba. La Pio Cesare, che ha sposato la filosofia di una produzione limitata a difesa della tradizione e dell’eccellenza.   Quella della Pio Cesare è una delle poche cantine rimaste nel centro storico della Città di Alba. Costruita a fine ‘700, è percorsa e delimitata dalle Antiche Mura romane di cinta di Alba Pompeia, che ne fanno da fondamenta e sono visibili in ogni angolo di essa. “Quella del Timorasso è solo una sperimentazione – spiega Pio Boffa – ma potrebbe riservare interessanti sorprese nel tempo. Tutto è cominciato quasi per caso, tramite un amico. Ho notato subito però che il Timorasso – uno dei pochi bianchi tradizionali del Piemonte – esprime il meglio di sé con il tempo, come il Barolo ad esempio. Regge bene e con il passare degli anni offre sostanza e qualità. Abbiamo fatto questo investimento a Vho che riguarda solo i vigneti, le attività di produzione restano ad Alba. Nel frattempo però abbiamo avviato delle verifiche con le strutture di ricerca e sperimentazione che lavorano con noi. I risultati li avremo con calma ma contiamo di poter offrire qualcosa di veramente interessante. Per noi la ricerca dell’eccellenza è un impegno primario e costante”.