Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Turismo & real estate: il Qatar muove sul Grand Hotel Carezza in Alto Adige

Il Grand Hotel Carezza ai piedi del Latemar va all’asta. È una struttura storica che ha segnato una tappa molto importante nella storia del turismo nella Mitteleuropa quale il Tirolo meridionale è entrato tra le mete privilegiate dell’upper class del Vecchio Continente. La lista degli ospiti illustri del Grand Hotel Carezza è lunga: famiglie reali, alta nobiltà, esponenti dell’alta borghesia industriale e finanziaria, intellettuali. Un crocevia di personaggi, storie, idee. Un passato tanto fulgido, un presente ricco di ombre. L’albergo, maestoso come allora si conveniva, va all’asta per un fallimento dai contorni oscuri. Ma una tale perla non poteva passare inosservata a chi va a caccia di occasioni. Secondo i soliti bene informati sul palazzo ottocentesco avrebbe messo gli occhi uno dei fondi turistico-immobiliari del Qatar. Ì paese del Golfo ha già investito parecchio in Italia nel settore immobiliare, tra strutture turistiche (grandi alberghi) e poli per uffici e residenze. Qatar è solo un riferimento, i soggetti protagonisti degli investimenti sono numerosi. L’interesse per il Carezza sarebbe alto anche perchè c’è l’intenzione di diversificare. La gran parte delle operazioni di investimento sto state effettuate in Italia nelle città di maggior interesse. L’Alto Adige, che è tra le province italiane a maggior vocazione turistica sarebbe di particolare interesse. Del resto qualcuno fa notare che Qatar e Starwood, la grande catena alberghiera globale del lusso che sta per entrare nell’orbita del colosso turistico americano Marriott, si muovono di pari passo. Per il Carezza ci vorrebbe un gestore di eccellenza, all’altezza della fama e della storia dell’albergo. Del resto circola voce che Starwood, cui fanno capo perle del calibro della Costa Smeralda, del  Gritti di Venezia e del Gallia di Milano (per citare solo alcuni tra i grandi alberghi) sia interessato a sbarcare nella montagna italiana. E quale miglior posto se non l’area delle Dolomiti?